AccordionMenu

Programmazione triennale ed elenco annuale: istruzioni

Con circolare 16 dicembre 2004, n. 1618/IV (pubblicata nella G.U. n. 299 del 22.12.2004), il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti ha fornito alcuni chiarimenti in ordine alla applicazione del nuovo decreto 22 giugno 2004. In particolare, il Ministero ha chiarito che:

  1. onere di pubblicità informatica presso il Ministero stesso e cartacea presso l’Osservatorio dei lavori pubblici sussiste solo dopo l’approvazione degli atti unitamente al bilancio preventivo

  2. in caso di adeguamento ed aggiornamento successivo all’adozione (durante i 60 giorni consecutivi di pubblicazione presso la sede dell’amministrazione aggiudicatrice), è sufficiente pubblicare il solo atto di approvazione finale

  3. un lavoro può essere incluso nell’elenco annuale solo se per esso sussiste la conformità urbanistica ed ambientale. Tale circostanza deve, però, verificarsi all’atto dell’approvazione dell’elenco annuale e non all’atto della redazione dello schema (30 settembre).

La conformità può, quindi, essere perfezionata nel periodo che intercorre tra l’adozione e l’approvazione. In caso contrario, il lavoro non deve essere inserito nell’elenco annuale  ma potrà essere spostato in uno degli altri anni del triennio, oppure si potrà procedere nel corso dell’anno all’aggiornamento dell’elenco annuale.

Per la redazione (entro il 30 settembre) e la pubblicazione (dopo l’approvazione unitamente al bilancio preventivo) è possibile collegarsi ai siti internet predisposti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e dalle Regioni e Province autonome territorialmente competenti.

La Regione Marche ha predisposto apposito sito, per le amministrazioni aggiudicatici. Tale sito è consultabile all'indirizzo  https://www.contrattipubblici.marche.it

Il referente dopo aver controllato e verificato che il file in formato.txt non contiene informazioni errate, lo invierà al Ministero. Al contrario, se  dopo il login il referente riscontri errori, dovrà provvedere, prima della trasmissione dei dati, a notificare via fax le modifiche; la stessa procedura dovrà essere adottata ogni volta che cambia il referente.