Disposizioni non più vigenti

All'Osservatorio devono essere comunicati tutti i dati (dall'appalto al collaudo) inerenti la realizzazione di lavori pubblici sul territorio nazionale, con particolare riferimento agli affidamenti a trattativa privata ed alle varianti; devono essere altresì rimessi tutti gli atti relativi alla programmazione dei lavori pubblici, i dispositivi di tutte le sentenze e pronunce emesse dagli organi giudicanti in materia di contenzioso nei lavori pubblici, tutti i certificati rilasciati dalle stazioni appaltanti alle imprese esecutrici di lavori ai fini della loro qualificazione.

All'Osservatorio debbono essere, altresì, comunicati tutti i dati relativi alla programmazione dei lavori pubblici, ai sensi dell'art. 14, comma 11, della legge 11 febbraio 1994 n. 109 e s.m.i., secondo la procedura e gli schemi da ultimo individuati con decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti in data 22 giugno 2004 (pubblicato sulla G.U. n. 151 del 30/06/2004).

Tali dati confluiscono nel "Notiziario regionale sugli appalti e le concessioni" pubblicato con cadenza annuale a cura dell'Osservatorio.

L'Osservatorio ha, poi, il compito di individuare costi standardizzati per tipo di lavoro ed in relazione a specifiche aree territoriali, di favorire la formazione di archivi di settore, in particolare in materia contrattuale, e la formulazione di tipologie unitarie da mettere a disposizione delle amministrazioni interessate; di adempiere agli oneri di pubblicità degli elenchi delle Società Organismi di Attestazione (SOA) della qualificazione degli esecutori di lavori pubblici; di tenere il Casellario informatico delle imprese qualificate, curandone la pubblicità ed assicurandone la disponibilità alle stazioni appaltanti; di ospitare i collegi arbitrali e di ricevere dalla camera Arbitrale i dati inerenti il contenzioso, rilevati annualmente.

Come detto, l'Osservatorio si articola in una sezione centrale ed in sezioni regionali aventi sede presso le regioni e province autonome.
La definizione dei modi e dei protocolli dell'articolazione regionale erano demandati dalla legge quadro all'Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici di concerto con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano.

Detto concerto è stato raggiunto il 16 dicembre 1999 sulla base di un protocollo generale di intesa tra la Conferenza e l'Autorità, cui era allegato uno schema tipo di protocollo regolante i rapporti tra l'Autorità stessa e la singola regione o provincia autonoma.
Con successive deliberazioni della Giunta regionale n. 3118 del 6 dicembre 1999, n. 2003 del 31 gennaio 2000 e n. 249 del 6 febbraio 2000 è stato, tra l'altro:

  • individuata formalmente la sezione regionale dell'Osservatorio presso la Regione Marche;
  • stabilito che detta sezione ha sede presso il Servizio Lavori Pubblici della Regione Marche;
  • individuato, quale dirigente responsabile della sezione, l'Ing. Michele Pierri del predetto Servizio Lavori Pubblici;
  • costituito un gruppo di lavoro allo scopo di avviare le attività della sezione;
  • preso atto del protocollo generale tra la Conferenza e l'Autorità;
  • approvato lo schema di protocollo regolante i rapporti tra Regione Marche ed Autorità, redatto sulla base dello schema tipo allegato al suddetto protocollo generale;
  • dato mandato al Presidente della Giunta regionale di sottoscrivere formalmente il protocollo approvato.
  • Con provvedimento n. 28/00/F/OSS del 29 febbraio 2000, il Presidente dell'Autorità, in ottemperanza al protocollo siglato con il Presidente della Giunta, ha attribuito al suddetto gruppo di lavoro le funzioni di sezione regionale dell'Osservatorio dei lavori pubblici nella Regione Marche.
    Per espressa previsione del protocollo sottoscritto, l'Autorità, per l'espletamento dei propri compiti istituzionali, si "avvale", nel rispetto del ruolo e dei compiti istituzionali dell'Ente Regione, di detta sezione regionale, funzionalmente da essa dipendente.

    La sezione è operativa dal 1° marzo 2000 ed ha competenza su tutti i lavori eseguiti sul territorio regionale, indipendentemente dalla natura della stazione appaltante (stato, regione, province, comuni, ecc.).

    L'invio dei dati alla sezione avviene, attualmente, sia su supporto cartaceo che informatico, mediante la compilazione di apposite schede predisposte dall'Autorità ed oggetto di comunicazioni pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale.

    La sezione è il referente principale delle stazioni appaltanti localizzate sul territorio regionale.

    Il sito internet dedicato all'osservatorio è diviso nelle seguenti sezioni:

    • Generalità
       dove è possibile trovare indicazioni di carattere generale (scadenze, modalità di invio delle schede, ecc..)

    • Attenzione a...
       utile per la soluzione di problemi che possono presentarsi durante la compilazione delle schede 

    • Domande frequenti
       con le risposte già formulate alle domande più frequenti

    • Note tecniche e download
      dove, oltre alle indicazioni tecniche di carattere generale, sono disponibili: i vari software distribuiti dall'Autorità per la vigilanza sui LL.PP., i modelli originali delle schede in formato Word per Windows  (consigliate a chi disponga almeno di Windows 95 e di Word 97), le tabelle dei codici(da cui si prelevano i numeri e le sigle per comporre i codici complessi richiesti nelle schede) ed il programma Winzip (per decomprimere schede e tabelle).

    Chi contattare?

    La funzione di Sezione Regionale dell'Osservatorio (a seguito della recente riorganizzazione delle strutture amministrative della Giunta regionale, attuata con la legge regionale del 15 ottobre 2001, n. 20) sono attualmente svolte dalla posizione di funzione denominata "P.F. Osservatorio Regionale dei contratti pubblici" costituita presso:

     

    SEGRETERIA

    • Tel. 071 8067330
    • Fax 071 8067339

     

    Responsabile della Sezione è l'Ing. Michele Pierri (Tel. 071 8067348), Dirigente dell'Osservatorio regionale dei contratti pubblici.

    LAVORI DI IMPORTO SUPERIORI A € 150.000

    • Geom. Bruno Foti  (Tel. 071 8067308)
    • Sig.ra Stefania Rogani (Tel. 071 8067441)
    • Sig.ra Olga Lanari (Tel. 071 8067391)

     

    SETTORE PROGRAMMAZIONE TRIENNALE

    • Sig.ra Maria Gaggiano (Tel. 071 8067393)
    • Sig. Marco Mignucci  (Tel. 071 8067316)